POST RECENTI

Cambia la tua vita con una scrivania sit-stand

Approfittiamo di un recente articolo del magazine di Frezza per presentarvi la le scrivanie sit-stand, disponibili nel nostro portafoglio prodotti.

Queste scrivanie stanno rivoluzionando il mondo dell’ufficio per la loro versatilità: scopri la scrivania di cui non potrai più fare a meno.

Scrivanie regolabili

Approdate in Italia solo di recente, sono il must dell’ufficio moderno: le sit-stand sono scrivanie regolabili in altezza, pensate per lavorare in piedi e seduti durante la giornata in ufficio o a casa.

Nascono come arredo tipico dei laboratori chimici e medici, spesso affiancate a scrivanie tradizionali per differenziare le fasi teoriche e pratiche di un lavoro. Questo concetto ha spopolato nelle startup statunitensi, conquistando molto presto gli uffici di tutto il mondo.

Il meccanismo (manuale o elettrico) della scrivania consente di abbassare e alzare a piacimento il ripiano di appoggio, rendendo le postazioni completamente flessibili, capaci di adattarsi al lavoro da svolgere e alle persone che le occupano.

Ma perché dovremmo scegliere una sit-stand per il nostro ufficio? Scopriamolo in questo articolo.

Benefici per la salute

La sedentarietà è uno dei nemici peggiori del lavoratore. Fermo restando che tanti rischi si possono attenuare con la scelta di una seduta operativa adeguata, rimanere seduti più di 8 ore al giorno (per anni!) è un rischio serio per la nostra salute.

Stiamo parlando di mali diffusissimi: mal di schiena e al collo, cattiva postura, dolori articolari e disturbi metabolici.

Per contrastare l’insorgenza di tali problemi, in aggiunta a esercizio fisico e pause frequenti, gli esperti consigliano di lavorare su una scrivania regolabile e alternare i momenti seduti con quelli in piedi, senza eccedere nell’uno o nell’altro.

Gli studi condotti finora evidenziano risultati sorprendenti: secondo uno studio del 2012, trascorrere anche solo un’ora in meno da seduti aiuterebbe a ridurre del 54% i dolori a collo e schiena.

Lo studio è stato condotto su vari uffici di Minneapolis, all’interno di un progetto chiamato “Take a stand“, il rovesciamento dell’espressione take a sit (“accomodati”, “prendi posto”).

Un altro studio della statunitense Mayo Clinic ha dimostrato che i dipendenti riescono a bruciare fino a 340 calorie in più al giorno trascorrendo due ore di lavoro in piedi anziché seduti.

A fine giornata, il lavoratore che avrà trascorso qualche ora in piedi, si sentirà meno affaticato e più energico.

Non solo benefici fisici!

Oltre a questi, sono emersi dati ancora più interessanti, tra cui l’aumento della produttività del 30-50%, come evidenziato dall’Università di Pittsburgh.

In aggiunta si evidenzia, quindi, un beneficio psicologico notevole: i lavoratori in possesso di una sit-stand si sentono a proprio agio in ufficio e una sensazione di maggiore controllo del proprio spazio di lavoro. Da seduti possono decidere come regolare l’altezza in base alle proprie caratteristiche fisiche, aumentando il senso di comfort e adeguatezza, e poi cambiare facilmente posizione alzandosi in piedi.

Chi può sgranchirsi le gambe e lavorare in piedi segnala anche un notevole “cambio di prospettiva” sul lavoro, utile al problem solving, da cui quell’aumento di produttività già citato.

Riunioni più dinamiche

La natura fortemente operativa delle sit-stand è una spinta per il teamwork, in particolare per le riunioni.

Le riunioni in piedi organizzate attorno a una scrivania sit-stand sono più rapide e dirette, subiscono meno interruzioni proprio per la loro natura “dinamica”.

È stato calcolato che, in media, i meeting in piedi non durano più di 15 minuti! Per questo molte aziende scelgono questo prodotto per creare spazi di confronto adatti a brevi incontri, come i briefing giornalieri, ma che possano ospitare anche le classiche riunioni da seduti.

Il luogo dei creativi

Regolando l’altezza di una scrivania sit-stand, con un solo gesto possiamo renderla idonea ai lavori di gruppo più disparati. Può, quindi, diventare il luogo perfetto per discutere di idee creative, oppure per metterle in pratica.

Infatti questa tipologia di scrivania, come dicevamo, è nata proprio nei laboratori, dove “teoria e pratica” vivono a stretto contatto.

Una sit-stand, dunque, è il posto ideale per creare, sperimentare e confrontarsi. Può essere anche un supporto eccellente per postazioni multimediali, ad esempio negli showroom, o per workshop dinamici e innovativi.

Tecnoservice: il tuo consulente per l’arredo ufficio

Il nostro team è a tua disposizione per trovare la soluzione più adatta al tuo gusto e al tuo modo di lavorare.

Affidati a Tecnoservice: disponiamo di prodotti professionali affidabili, Made in Italy, che coniugano design e funzionalità.

Le nostre scrivanie sit-stand sono disponibili con elettromotore o con meccanismo manuale, a varie fasce di prezzo.

Per saperne di più compila il form in fondo alla pagina, oppure chiama lo 0532 978703

L’ufficio a casa: idee per il tuo spazio di lavoro smart

Da mesi il lavoro da casa è entrato a far parte delle nostre vite. In molti lo hanno sperimentato per la prima volta durante l’emergenza Covid, ma è noto che molte aziende stanno valutando l’idea di diminuire le presenze in ufficio anche in futuro. Lo scopo è favorire il lavoro smart e flessibile, che si adatti alle esigenze del lavoratore il quale è libero di gestire tempi e modalità nel raggiungimento degli obiettivi.

I vantaggi del lavoro da casa influiscono direttamente sulla creatività e sul rendimento di ciascuno. Ma, come abbiamo potuto sperimentare durante il lockdown, non sempre gli spazi domestici sono adeguati e spesso a risentirne è la nostra produttività.

Quindi come si crea lo spazio di lavoro perfetto a casa?
In questo articolo abbiamo raccolto i principali suggerimenti dei professionisti dell’office furniture: fatti ispirare!

Se invece sei in cerca di consigli tecnologici per il tuo ufficio domestico, non perderti l’articolo a questo link!

Non lavorare in camera da letto!

Cominciamo dalla domanda: dove allestire la postazione?

C’è una regola fondamentale, che influisce direttamente sulla nostra concentrazione e produttività: bisogna distinguere lo spazio privato dallo spazio lavorativo.

Gli psicologi evidenziano come un’equilibrata divisione tra vita privata e lavoro (“work-life balance“) influisca positivamente sul rendimento. Ciò vale anche per l’ambiente di lavoro e la camera da letto è il luogo privato per eccellenza.

La propria stanza può essere piena di distrazioni derivanti dalla presenza di effetti personali. Inoltre, pur trovandosi in una zona tranquilla della casa, non è luogo appropriato per le videochiamate di lavoro.

Se la tua stanza è l’unico posto della casa sufficientemente appartato puoi scegliere di separare il tuo spazio di lavoro con una parete divisoria o una libreria, come nell’immagine qui sotto.

Zona tranquilla

Progettare un home office è facile se abbiamo a disposizione un’intera stanza, ma cosa si può fare in uno spazio ridotto?

Anzitutto è meglio scegliere uno spazio inutilizzato dalla routine domestica, senza rumori, distrazioni o movimenti alle nostre spalle, specialmente durante le videocall.

In questo senso sono perfetti ripostigli, sottoscala, corridoi o zona ingresso, purché sia presente una finestra e la temperatura sia adeguata.

Il soggiorno

In mancanza di uno spazio separato dal resto della casa, la maggior parte dei lavoratori sceglie il soggiorno, poiché spesso si tratta del luogo più confortevole e illuminato.

È quindi importante dividere la scrivania dove lavorare dall’ambiente circostante. In questo caso si può utilizzare una libreria bifacciale o una partizione adatta anche all’area living.

La seduta: preziosa alleata

La scelta della seduta è importantissima, poiché da essa dipenderà il benessere della nostra schiena. Comodità ed ergonomia sono le parole d’ordine.
Ma scordatevi la solita seduta anonima da ufficio: quella per la vostra casa dovrà essere speciale e personalizzata.

I nostri fornitori dispongono di sedute originali che sapranno adattarsi allo stile della tua casa.

È importante affidarsi a un prodotto professionale con materiali certificati e di qualità per il massimo comfort, che garantisca la corretta postura durante le ore di lavoro.
Le moderne sedute da ufficio sono dotate di supporti e regolazioni specifiche per non affaticare il fisico.

Anche i rivestimenti devono essere di qualità: i prodotti professionali sono realizzati in materiali speciali e ricercati, che garantiscono igiene e comodità massima.

Se invece preferisci utilizzare una seduta standard, che magari sia utile in casa anche fuori dal lavoro, assicurati che abbia uno schienale alto.

I braccioli? Fondamentali per evitare che le braccia pesino sul corpo.

La scrivania perfetta

La scrivania o il tavolo su cui lavoreremo è ugualmente importante. Servirà a organizzare il nostro lavoro, anche quello mentale.

Se hai bisogno di avere tutto a portata di mano puoi optare per una scrivania dotata di spazi nella parte frontale o cassetti a lato.
Se hai poco spazio e vuoi valorizzare la luce del tuo soggiorno puoi valutare una scrivania in vetro temprato, elegante e leggera.

Quando lo spazio è minimo e prevedi di lavorare poco da casa, un tavolo con piano ribaltabile può essere la soluzione ideale. Questo consente di allestire un home office a scomparsa, da utilizzare solo se necessario.

Le combinazioni di materiali e colori sono infinite e personalizzabili in base al tuo stile.

Dimensioni e misure

Secondo le norme nazionali di sicurezza sul lavoro, l’altezza ideale di una scrivania è di 74 cm.
Naturalmente per venire incontro alla diversa fisicità di ognuno di noi le misure potrebbero essere diverse. Nel nostro portafoglio prodotti disponiamo anche di scrivanie regolabili, per lavorare all’altezza che preferisci e mantenere in posizione confortevole schiena, braccia e polsi.
Conosci le scrivanie sit-stand? Potrebbero sorprenderti i benefici del lavorare alternativamente seduti e in piedi.

La profondità della scrivania dev’essere almeno di 80 cm per posizionare il monitor a una distanza adeguata dagli occhi.
Se però lo spazio a disposizione è veramente “minimal” assicurati che la profondità sia di almeno 60 cm, ma scordati schermi enormi e opta per un portatile leggero e compatto.

Archiviare i documenti in casa

L’archiviazione di documenti è una componente fondamentale del lavoro. La mancanza di spazio, in questo senso, può essere un problema: per sfruttarlo al massimo devi mantenere tutto in ordine scrupolosamente!

Oltre a cassettiere, armadi e altri contenitori, considera di sfruttare le pareti attorno a te, installando mensole. Se puoi, scegli una zona della stanza o della postazione da adibire ad archivio.

In alternativa opta per la digitalizzazione! Oggi il modo migliore di conservare i tuoi documenti è digitalizzarli ed eliminare una volta per tutte il problema dello spazio.
Con Tecnoservice hai sempre a disposizione scanner portatili per tutte le tasche, perfetti per lo smart working o per gestire facilmente i documenti di casa.
Lo scanner è un aiuto prezioso anche per la didattica a distanza.

Luce, prego!

L’illuminazione è un fattore decisivo nella progettazione del tuo home office. Un ambiente buio affatica gli occhi e ci fa sentire meno motivati. Al contrario la luce, specie quella naturale, aiuta a concentrarsi e ad essere più produttivi.

La regola fondamentale: più luce naturale c’è, meglio è. Scegli uno spazio vicino a una finestra e cerca di sfruttare la luce del giorno.
Se lavori al PC l’ideale sarebbe posizionare il monitor di lato rispetto alla finestra, per ridurre al minimo riflessi e bagliori fastidiosi.

Quando arriva la sera, illumina la tua scrivania con una lampada da tavolo a luce bianca, meglio con un paralume che direzioni la luce proprio dove ti serve. Un consiglio per l’ambiente e per il portafoglio: prediligi la tecnologia LED, dura di più e riduce anche i consumi.
Ricorda di posizionare la lampada da tavolo sul lato opposto della mano che usi per scrivere, in modo da evitare ombre.

Se, invece, sul tavolo hai poco spazio, puoi scegliere una lampada a parete o una applique.

Tecnoservice: professionisti al tuo servizio

Hai preso nota dei nostri suggerimenti? Ora puoi progettare e organizzare il tuo spazio di lavoro ideale.

Ma se dovessi aver bisogno di qualche altro consiglio non esitare a contattarci: la nostra divisione arredo saprà individuare i prodotti migliori per te, rigorosamente certificati e Made in Italy.

I nostri consulenti e tecnici, invece, sono al tuo servizio per consigliarti le migliori tecnologie per il lavoro a distanza e perfezionare l’organizzazione dello smart working nella tua azienda.

Chiamaci subito allo 0532 978703 o compila il form qui sotto per altre informazioni

Lotteria degli scontrini: le regole per gli esercenti

La lotteria nazionale degli scontrini è il nuovo concorso a premi gratuito, collegato al programma “Italia Cashless“, per incentivare l’uso della moneta elettronica. La data di inizio è fissata all’1° febbraio 2021.

Il concorso è strettamente legato anche all’obbligo di Registratore Telematico e all’aggiornamento XML 7.0 che, con le varie proroghe, sono entrambi slittati al 1° gennaio 2021.

La partecipazione alla Lotteria è gratuita: è collegata agli acquisti dei consumatori a partire dal 1° febbraio 2021 e prevede estrazioni di premi in denaro settimanali, mensili e annuali.
Le regole sono semplici: ogni cittadino maggiorenne e residente in Italia al momento dell’emissione dello scontrino comunica all’esercente il proprio “codice lotteria” associato al Codice Fiscale.

Ma cosa devono sapere gli esercenti prima della partenza della Lotteria? In questo articolo abbiamo risposto ad alcune delle domande più frequenti.

Cosa deve fare l’esercente?

Su richiesta del cliente, al momento di un pagamento cashless, l’esercente dovrà immettere il “codice lotteria” prima di emettere il documento commerciale.

IMPORTANTE: L’esercente deve obbligatoriamente dotarsi di un Registratore di cassa Telematico, abilitato all’invio dei corrispettivi e dei dati associati al “codice lotteria”.
Questa specifica abilitazione si ottiene con un aggiornamento di software collegato all’aggiornamento XML 7.0, di cui abbiamo già parlato nel nostro Blog, da avere entro il 31 marzo 2021.

Contattaci per qualsiasi dubbio e per ricevere informazioni commerciali o tecniche.

Sarà obbligatorio aderire alla Lotteria?

No, l’esercente non subirà sanzioni se decide di non registrare e trasmettere il “codice lotteria”. Tuttavia il cliente può segnalare la circostanza all’Agenzia delle Entrate.

Come inserire il “codice lotteria”?

L’esercente può inserire manualmente il “codice lotteria” e il Codice Fiscale, oppure dotarsi di un lettore ottico collegato al Registratore Telematico aggiornato a XML 7.0 abilitato alla lettura degli schermi dei dispositivi mobili, per poter registrare in modo automatico e senza errori il codice.

Ogni cassa ha il proprio lettore: contatta Tecnoservice per scoprire il dispositivo adatto al tuo Registratore Telematico.

Quali sono le modalità di pagamento accettate?

Il cliente dovrà effettuare un pagamento elettronico per avere la possibilità di vincere. Il pagamento elettronico, o cashless, è quello effettuato con: carte di credito, carte di debito, bancomat, carte prepagate, carte e app connesse a circuiti di pagamento privativi e a spendibilità limitata.

Sono previsti premi per gli esercenti?

Sì! L’esercente può partecipare alle estrazioni “zero contanti”, pensate per premiare gli esercizi che utilizzano maggiormente i pagamenti elettronici.

Qui di seguito i premi dedicati ai commercianti:

  • Quindici premi da 5.000€ per l’esercente ogni settimana;
  • Dieci premi di 20.000€ per l’esercente ogni mese;
  • Un premio di 1.000.000€ di euro per l’esercente ogni anno.

I premi settimanali vengono estratti ogni giovedì, mentre le estrazioni mensili e annuali avvengono nelle date indicate sul sito della Lotteria.

A questa pagina sono disponibili i calendari delle estrazioni.

In caso di vincita l’esercente non ha bisogno di fare nient’altro: verrà individuato tramite la Partita Iva, memorizzata nella banca dati del Sistema Lotteria, e successivamente contattato dall’Agenzia delle Entrate. Il versamento della vincita avverrà tramite bonifico bancario o secondo altre modalità specificate sul portale della Lotteria.

Altri dubbi? Tecnoservice è la risposta!

Contattaci entro il 31 marzo 2021!

In questi mesi ci stiamo dedicando al massimo ai nostri clienti, consci delle precise esigenze di questo periodo. Siamo al tuo fianco per consigliarti i prodotti e i servizi migliori per la tua attività.

Con Tecnoservice puoi:

  • Acquistare un nuovo Registratore Telematico
  • Aggiornare il tuo Registratore Telematico a XML 7.0 (aggiornamento obbligatorio)
  • Aggiornare il tuo Registratore Telematico alla Lotteria degli Scontrini
  • Ricevere consulenza e informazioni commerciali
  • Ricevere assistenza tecnica
  • Acquistare il lettore ottico (barcode scanner) per il tuo RT

In alternativa ti proponiamo il nostro contratto annuale, che snellisce la burocrazia e ti fa accedere a sconti e prezzi dedicati, oltre ad assistenza tecnica illimitata e verificazioni fiscali periodiche incluse.

Tutta la nostra esperienza al servizio della tua impresa.

Contattaci subito compilando il form qui sotto o chiamando lo 0532 978703

Registratori Telematici: le novità sull’aggiornamento a XML 7.0

A partire dal 1° aprile 2021 l’Agenzia dell’Entrate richiederà l’obbligo di adeguamento di tutti i Registratori Telematici al nuovo aggiornamento “XML 7.0”.

Questo aggiornamento è stato comunicato di recente e i produttori di Registratori hanno dovuto predisporre alcune modifiche.

Di conseguenza ad oggi il vostro dispositivo, anche appena acquistato, non è adatto a trasmettere con il nuovo tracciato e necessita di intervento tecnico. Dopo l’ultima proroga, annunciata il 23 dicembre 2021, il termine ultimo è il 31 marzo 2021.

Vediamo nel dettaglio cos’è questo aggiornamento e come fare per adeguarsi.

Adeguamento entro il 31 marzo 2021

Come noto, secondo il Provvedimento dell’Agenzia dell’Entrate del 28/10/2016, in seguito modificato nell’ultimo Provvedimento del 23/12/2020, entro il 31 marzo 2021 è obbligatorio l’adeguamento alle nuove specifiche per l’invio dei corrispettivi.

Ma l’annuncio di adeguamento al nuovo tracciato XML 7.0 è notizia recente.

Entro il 31 marzo 2021, pena sanzioni, tutti gli esercenti dovranno:

  1. Possedere un Registratore Telematico
  2. Avere l’aggiornamento a XML 7.0 per consentire l’emissione del documento commerciale

Dopo tale data l’Agenzia delle Entrate non accetterà più l’invio dei corrispettivi nell’attuale tracciato 6.0.

Cosa cambia con XML 7.0

Questo nuovo tracciato è stato ideato sostanzialmente per gestire la dichiarazione annuale dell’IVA (“precompilata IVA”) e per evitare il pagamento doppio dell’IVA quando si emettono ricevute e segue fattura.

Vi riassumiamo le modifiche principali interessate dal nuovo aggiornamento:

  • Non riscosso di fine mese per fatture e scontrini (evita il raddoppio di imposta con la fattura)
  • Buoni Pasto o Ticket
  • Buoni Uso e Multiuso
  • Omaggi
  • Non riscosso servizio sanitario
  • Gestione Acconti
  • Acquisizione del “codice lotteria” per partecipare alla “Lotteria degli Scontrini”

Cosa bisogna fare?

Il vostro Registratore Telematico continuerà a funzionare, ma i corrispettivi inviati non saranno accettati dall’Agenzia delle Entrate.

Se dovete aggiornare il vostro attuale dispositivo o acquistare un nuovo Registratore Telematico completo di aggiornamento contattate Tecnoservice.

A questo link troverai tutti i nostri modelli di RT.

Per approfondire l’argomento rimandiamo alla pagina del sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate al seguente link.

Per qualsiasi informazione commerciale o richiesta tecnica siamo a vostra disposizione.

Chiamaci allo 0532 978703 oppure compila il form qui sotto

Contratto costo copia: i vantaggi per la tua azienda

Il contratto costo copia è un tipo di noleggio operativo largamente apprezzato da imprese e attività produttive, perché consente di avere a disposizione strumenti di lavoro efficienti senza dover investire somme notevoli per l’acquisto.

Infatti, versando un canone fisso prestabilito, l’azienda affida a noi di Tecnoservice la gestione completa delle macchine, dei consumabili, dell’assistenza e dei rifiuti di stampa (opzionale). Zero burocrazia e niente costi nascosti.

Ma che cosa comprende il contratto costo copia? E quali vantaggi comporta per un’azienda?

Contratto costo copia

Partiamo definendo il costo copia come la spesa per ogni foglio stampato in relazione alle spese generali di gestione della stampante. Questo è fattore è importante per capire l’incidenza che ha ogni stampa sui costi totali della macchina.

Il contratto costo copia è un tipo di noleggio che, oltre fornire le periferiche pattuite, si basa su un limite massimo di stampe ogni mese incluso nel canone.

Di solito questo tipo di servizio include:

  • Stampanti/multifunzione di ultima generazione
  • Installazione, collegamento PC e configurazione delle periferiche
  • Consumabili di stampa
  • Manutenzione ordinaria e assistenza
  • Stampe fino a raggiungimento della quota prefissata
  • Smaltimento rifiuti di stampa (opzionale)

Se il cliente supera il numero massimo di copie prestabilito deve semplicemente pagare le stampe eccedenti. Ovviamente anche il costo di ogni stampa oltre il limite è definito nel contratto, così da non avere mai sorprese poco piacevoli. Funziona un po’ come i contratti per il noleggio di un’automobile: quando oltrepassa la quota chilometrica stabilita il cliente paga un surplus al fornitore del servizio.

Perché scegliere il noleggio costo copia?

Perché non si sta acquistando solo il prodotto, ma un intero pacchetto di servizi a un prezzo fisso e trasparente. Avvalersi di un partner che si occupa di tutto ciò che riguarda le stampanti sgrava l’impresa di una lunga serie di attività che portano via tempo e denaro.

Il cliente dispone di macchine sempre aggiornate e di ultima generazione, per garantire massima efficienza e rispetto per l’ambiente. A questo si aggiunge un corposo risparmio in termini di denaro: tutti i costi legati a installazione, copie, consumabili, manutenzione, assistenza e rifiuti di stampa sono compresi nel canone.

Inoltre, come già accennato, il noleggio consente di dedurre il canone al 100% e di evitare ingenti spese iniziali per l’acquisto delle macchine.

Vieni a scoprire il nostro noleggio costo copia

Noi di Tecnoservice forniamo da oltre 30 anni servizi di noleggio di stampanti, multifunzione e plotter con contratti a costo copia.

Prediligiamo un rapporto diretto con il cliente, fornendo un servizio su misura per ogni esigenza. Il nostro metodo di lavoro prevede un’analisi preventiva del fabbisogno di stampe e successivamente lo sviluppo di una soluzione all inclusive, capace di ottimizzare costi e flussi di lavoro.

La nostra parola d’ordine è semplificazione, per questo fissiamo una rata trimestrale che comprende il volume di stampe e scansioni solitamente effettuate dal cliente.

Per creare concreti vantaggi a chi ci sceglie per il noleggio di stampanti e multifunzione forniamo macchine aggiornate e affidabili, ci occupiamo di ogni aspetto riguardante la loro funzionalità e proponiamo contratti in cui tutti i termini e i costi sono trasparenti.

Se vuoi conoscere meglio i nostri servizi di noleggio stampanti e costo copia visita il link o contattaci utilizzando il form qui sotto.

Microsoft Teams: La suite per lo smart working

Con oltre 115 milioni di utenti attivi, Microsoft Teams si è fatta strada tra competitors notevoli come Google Meet e Zoom, affermandosi tra le migliori suite dedicate al mondo del lavoro remoto e dello smart working.

A cosa serve?

Sempre più aziende, scuole e università di tutto il mondo la stanno già utilizzando per gestire il flusso di lavoro in remoto, in particolare per far fronte all’emergenza Covid-19.

Teams comprende un efficiente pacchetto di applicazioni per:

  • riunioni virtuali e chiamate (fino a 8 ore, con un massimo di 300 partecipanti)
  • registrazione, condivisione e archiviazione delle riunioni
  • eventi live
  • chat
  • cloud
  • condivisione desktop
  • sincronizzazione dispositivi
  • produttività, con le tradizionali app web di Office (Word, Excel, PowerPoint)

L’obiettivo di Teams è suggerito dallo stesso nome: mettere a contatto i membri di un team e aiutarli nel lavoro a distanza in modo potente, semplice e intuitivo. Per usare le parole del vice-presidente di Microsoft, Jeff Teper, Teams è “un hub per la collaborazione” al servizio di aziende, privati, scuole e università.

L’impennata di utenti in epoca di pandemia ha portato Microsoft a programmare diversi potenziamenti, previsti per il 1° gennaio 2021, tra cui l’aumento del numero massimo di partecipanti agli eventi live (fino a 20.000) e il raddoppio delle ore in videochiamata (16 ore).

Come si attiva e quanto costa

Attivare Teams è semplice: è necessario possedere un account Microsoft 365 e accedere tramite il sito di Microsoft.

Teams è disponibile gratuitamente, per venire incontro alle esigenze di studenti o di tutti coloro che non prevedono un uso continuativo della suite. Tuttavia, per sfruttare al massimo le sue potenzialità, specialmente in ambito professionale, è fortemente consigliato attivare uno dei piani a pagamento di Microsoft 365, i quali offrono:

  • spazio nel cloud OneDrive fino a 1TB
  • compatibilità con Mac, iOS e Android
  • protezione da ransomware e phishing anche per i dispositivi collegati

Noi di Tecnoservice proponiamo i seguenti piani:

  1. Microsoft 365 Business Basic
  2. Microsoft 365 Business Standard
  3. Microsoft 365 Business Premium

Naturalmente i tre piani si distinguono per prezzo e per funzionalità incluse.

E per lo studio?

Per scuole e insegnanti impegnati con la DAD (didattica a distanza) Microsoft propone anche Teams for Educational (o Teams per la Scuola) una suite simile a Teams, ma con diverse funzionalità pensate specificatamente per la didattica, come la consegna dei compiti, la lavagna interattiva o la programmazione e lo svolgimento delle verifiche.

Quale soluzione è più adatta a me?

Chiedi a Tecnoservice, rivenditore autorizzato Microsoft.

  • Verifichiamo se la tua infrastruttura hardware e software è in grado di supportare Teams
  • Troviamo il piano più adatto alle esigenze della tua azienda
  • Organizziamo e pianifichiamo le tue riunioni e i tuoi eventi su Teams
  • Risolviamo eventuali problemi tecnici in remoto e on-site
  • Forniamo e configuriamo tutte le periferiche necessarie (portatili, webcam, schermi, proiettori…)

Mettiamo a tua disposizione un team professionale e tutta la nostra esperienza nel settore.

Per informazioni compila il form qui sotto oppure chiamaci subito allo 0532 978703

Creative Cloud per la tua azienda: le novità di Adobe MAX 2020

Negli ultimi anni ogni azienda, grande o piccola, si è dovuta confrontare con la crescente necessità di proporre prodotti visivi di alta qualità sul web e sui social.

Sempre più imprese, non solo quelle che si occupano strettamente di grafica, si stanno avvicinando al mondo di Adobe.
La suite “Creative Cloud” sta diventando uno strumento indispensabile per effettuare campagne di marketing di buon livello e creare contenuti digitali per i social.

Anche se non sei un utente di CC, sicuramente avrai sentito parlare di Photoshop, Illustrator o di altri prodotti di casa Adobe.
La suite si arricchisce ogni anno di nuove app e funzionalità sempre più performanti e accessibili.

“Creatività per tutti”

Ma non sarà necessario essere professionisti per utilizzarle?
Le competenze e le conoscenze di un professionista sono insostituibili per raggiungere standard eccellenti. Tuttavia Adobe, nel voler espandere il proprio bacino di utenza, sta lavorando incessantemente per rendere i propri prodotti alla portata di tutti.

Questo intento è lampante nell’adozione dello slogan “Creativity for all” per l’edizione 2020 di Adobe MAX, la conferenza annuale di presentazione della software house californiana, conclusasi il 22 ottobre scorso.

Grafica e smart working

Tante le novità presentate durante le 56 ore di eventi e workshop.

Le più attese riguardano i mostri sacri della grafica digitale. Stiamo parlando naturalmente di Photoshop, Illustrator e Lightroom, ma Adobe sembra del tutto intenzionata a spingere anche sulle altre app che completano la suite, come quelle dedicate al videomaking e alla creazione di post per i social.

Anche in questa occasione l’emergenza Covid sembra non smettere di dettare i parametri della “nuova normalità”. Molte delle novità introdotte ad Adobe MAX 2020 vogliono andare incontro alle esigenze di chi è costretto al lavoro a distanza, spesso in condizioni tutt’altro che “smart”.

Collaborare a distanza

Chi lavora con la grafica lo sa: spesso sembra un’impresa impossibile lavorare su uno stesso file da più dispositivi. Le dimensioni dei file, l’estensione, i font particolari, i percorsi delle immagini…ciò che si visualizza correttamente su un PC potrebbe non funzionare su un altro.

Adobe ha deciso di intervenire.
Punto centrale delle novità introdotte nell’edizione 2020 è proprio la semplificazione del lavoro a distanza, con un importante miglioramento del cloud e della condivisione dei file tra colleghi. La funzione cloud è stata aggiunta a Photoshop, Fresco e Illustrator, un upgrade attesissimo.

Altra novità è l’estensione delle Libraries, lo spazio cloud dov’è possibile accedere da contenuti resi pubblici da altri utenti e uno strumento utile per l’uso (legale) di contenuti creativi per i propri progetti. Ce ne sono per tutte le tasche.
In particolare sono state estese le Libraries per Adobe XD, l’amatissimo software per il design di app, e per Adobe Spark, prodotto in crescente popolarità per la creazione di video, immagini e post per i social.

Vuoi approdare al mondo Adobe? Chiedici una consulenza

La tua azienda usa già Adobe? Oppure stai ancora cercando l’app che fa per te? Non sei sicuro che Photoshop funzioni bene sul tuo PC? Devi organizzare lo smart working?

Qualsiasi siano le tue domande, Tecnoservice è la risposta!

  • Sapremo orientarti verso il prodotto migliore a un prezzo competitivo.
  • Prediligiamo un contatto diretto con il cliente, siamo quindi a tua disposizione per consulenza e per assistenza tecnica veloce e senza burocrazia.
  • Verifichiamo se i tuoi PC sono in grado di eseguire correttamente i programmi Adobe e intervenire in caso di problemi.
  • Ti assistiamo nella programmazione e nella configurazione dello smart working.

Tecnoservice è rivenditore autorizzato Adobe.

Contattaci subito per infomazioni e preventivi compilando il form qui sotto o chiamandoci allo 0532 978703

Perché noleggiare le stampanti multifunzione? Quali sono i vantaggi?

In ufficio ogni giorno vengono fatte fotocopie, stampe di file, scansioni di documenti e, di conseguenza, una stampante multifunzione diventa uno strumento indispensabile per lavorare con efficienza e rapidità.

Quando gli impiegati sono molti spesso non basta una sola macchina, se non si vuole creare una lista d’attesa per il suo utilizzo.

Per questo motivo è giusto conoscere i vantaggi del noleggio di multifunzione e valutare questa soluzione al posto dell’acquisto per sopperire alla necessità di stampe di un’impresa.

Elenco dei vantaggi del noleggio stampanti

Per quelle attività che stampano, scansionano e fotocopiano molto, l’opzione del noleggio delle multifunzione, anziché l’acquisto, è fortemente consigliata.

I principali vantaggi del noleggio di stampanti/multifunzione sono:

  • Costi fissi e programmabili
  • Deduzione fiscale del canone
  • Nessuna spesa per i consumabili
  • Assistenza rapida on-site
  • Stampanti/multifunzione di ultima generazione

In un’impresa il flusso di denaro, il controllo delle spese e l’impiego di tecnologie all’avanguardia sono fattori fondamentali per essere competitivi e anche la riorganizzazione delle stampanti può essere fatta in quest’ottica.

Ma scopriamo questi vantaggi nel dettaglio.

Costi fissi e programmabili

I vantaggi per il conto in banca aziendale sono notevoli per chi noleggia le stampanti, a partire dal fatto che non bisogna avere un corposo budget iniziale per acquistare le macchine.

Il risparmio è sicuramente un beneficio che fa accendere i riflettori su questo metodo per avere periferiche senza gravare sulla cassa dell’impresa, ma non è il solo.

Pagando un canone fisso all’azienda fornitrice del noleggio è possibile prevedere con precisione le spese mensili e, di conseguenza, un imprenditore può programmare oculatamente altri pagamenti e spese da fare per la propria attività.

Benefici fiscali per il noleggio stampanti

Un altro vantaggio di carattere economico derivante dal noleggio di stampanti per il proprio ufficio o la propria azienda è di carattere fiscale.

Il canone che l’azienda paga può essere dedotto al 100%. Si può dire, quindi, che scegliere di noleggiare le multifunzioni è un buon modo anche per pagare meno tasse.

Nessuna spesa per i consumabili di stampa

Quando in un contratto di noleggio sono incluse anche le forniture di toner, cartucce, vaschette, ecc., senza costi aggiuntivi, il beneficio per l’azienda è notevole.

I consumabili devono essere per forza rimpiazzati e le macchine, anche le migliori, necessitano di manutenzioni e riparazioni. Questo semplice ragionamento è fondamentale per capire come il noleggio sia il modo migliore per avere macchine sempre efficienti senza il problema delle spese impreviste.

Utilizzo di stampanti di ultima generazione

L’obsolescenza tecnologica può diventare un problema importante.

Acquistare ciclicamente stampanti multifunzione per avere sempre dispositivi aggiornati comporta un ingente esborso, mentre con il noleggio si possono affittare macchine performanti e chiedere un rinnovo tecnologico al termine del contratto.

Ciò significa puntare sempre sulla qualità di stampa e sull’efficienza degli uffici.

Includendo nel contratto di noleggio anche un servizio di assistenza affidabile si ottimizza la funzionalità e il tempo di vita delle stampanti, così da non avere mai disguidi che bloccano a lungo i lavori dei dipendenti.

Con Tecnoservice tutti i vantaggi del noleggio di multifunzione

Tecnoservice dal 1986 si occupa di assistenza tecnica e noleggio di macchine per gli uffici.

La nostra forza sta nel rapporto diretto con il cliente: solo così siamo in grado di offrire servizi su misura, mettendo a disposizione tutto il nostro team.

Ti guidiamo verso la scelta ideale per le tue necessità professionali, evitando sprechi per il portafoglio e per l’ambiente.

Se vuoi conoscere ancora meglio i vantaggi del noleggio di multifunzione con Tecnoservice, dai un’occhiata alle pagine dedicate sul nostro sito.

Virus informatici: facciamo chiarezza

La parola virus fa immediatamente suonare un campanello d’allarme, non importa in quale ambito essa sia utilizzata.

Nel campo dell’informatica le insidiose infezioni digitali causano problemi che possono bloccare il lavoro di un’azienda e, soprattutto, mettere a repentaglio la sicurezza dei dati.

Per questo è giusto chiedersi cos’è un virus informatico e, soprattutto, utilizzare misure che possano filtrare, rilevare e debellare le minacce.

Cosa sono i virus informatici?

Un virus, in poche parole, è un software.

Per identificare i virus informatici è stato coniato il termine malware, frutto dell’unione di “malicious” e “software”: sono evidenti le intenzioni con cui vengono prodotti questi programmi.

Quando un virus viene eseguito su un computer esso infetta altri file, replicando il proprio codice, proprio come un virus biologico replica il proprio DNA.

Il virus informatico non viene riconosciuto dall’utente ed è in grado di eludere le difese di base del PC. Sostituendo il proprio codice a quello di un programma già presente sul computer, il virus è in grado di diffondersi e, soprattutto, a essere trasferito su un altro PC senza che gli utenti se ne accorgano.

Tipi di virus informatici

In generale tutti i virus informatici sono malware, ma nel corso dei decenni sono stati suddivisi in sottocategorie.

Le principali tipologie di virus informatici sono:

  • Trojan
  • Spyware
  • Worm
  • Adware
  • Ransomware

Trojan

Il funzionamento di questo virus informatico è riassunto nel suo nome per esteso Trojan Horse, ovvero cavallo di Troia.

Proprio come il leggendario stratagemma greco, questo tipo di programma maligno si camuffa per sembrare qualcosa di assolutamente non pericoloso per il computer. Una volta ingannata la persona che lo ha erroneamente lanciato, il Trojan apre la strada a un malware che si diffonde nel sistema informatico e spesso resta invisibile per lungo tempo.

Spyware

Lo spyware è un software che si insinua per raccogliere dati delle persone che utilizzano i PC infettati. Letteralmente è un programma spia che può carpire dati d’accesso a siti, informazioni personali e relative alle transazioni bancarie.

Lo spyware è progettato per nascondersi e continuare a operare nell’ombra senza essere identificato, in questo modo può lavorare a lungo e trasmettere tantissimi dati senza che gli interessati se ne accorgano.

Worm

Questo “verme”, traduzione letterale del termine, entra in una macchina specifica per poi diffondersi da un computer all’altro sfruttando la loro connessione in rete.

Un worm è capace di autoreplicarsi e, di solito, i suoi effetti sono evidenti solo quando si è ampiamente diffuso e rallenta i processi delle macchine connesse.

Adware

Gli “Advertising-malware” ovvero adware, sono malware che veicolano messaggi pubblicitari.

Gli adware possono far apparire popup continui o in grande numero, ma possono anche spiare le attività online degli utenti per capire quali pubblicità mostrare in seguito in base ai dati di navigazione.

Ransomware

 “Ransom” significa “riscatto”: non è difficile intuire il principio di funzionamento di questo tipo di virus informatico.

Un ransomware prende in ostaggio un dispositivo, impedendone l’utilizzo, e il suo creatore chiede una somma di denaro per liberarlo.

Come non avere problemi con i virus informatci

Che i virus informatici siano davvero pericolosi per i computer di aziende e uffici ormai è chiaro, ma queste minacce per la sicurezza informatica possono essere annullate utilizzando strumenti digitali altrettanto evoluti ed efficaci. Antivirus e backup sono strumenti fondamentali per garantire il funzionamento dei dispositivi e tenere al sicuro dati sensibili e file. Ma non è da sottovalutare nemmeno il saper riconoscere le minacce prima che sia tardi: per esempio evitando di aprire email di phishing, pop-up sospetti, visitare siti web non sicuri e tanto altro.

Noi di Tecnoservice, grazie ai nostri 35 anni di esperienza, siamo in grado di valutare il rischio di un’azienda e di individuare la migliore soluzione per rendere sicuri i sistemi informatici.

Le principali armi con cui difendiamo i nostri clienti da cyber-attacchi sono:

  • Microsoft 365 Business Premium
  • Nethsecurity (Suite Nethesis)
  • Cloudsafe Backup
  • Antivirus Bitdefender Cloud Security
  • Consulenza, formazione e assistenza con tecnici specializzati

Se vuoi conoscere meglio le nostre soluzioni informatiche per la sicurezza IT consulta il nostro sito e contattaci.

Laser o inkjet: da dove partire?

Spesso c’è molta confusione sulla differenza tra tecnologia laser e inkjet. Orientarsi sull’una o sull’altra tipologia può diventare una scelta difficile.

Esiste la stampante perfetta per tutti?

La risposta è no, perché ciò che è adatto a un cliente potrebbe non esserlo per un altro. Quindi è importante mettersi alla ricerca della stampante che più si adatta al nostro lavoro. Individuate le esigenze di stampa sarà facile scegliere il prodotto giusto.

Nessuna idea? Vediamo quali sono gli aspetti da valutare.

Le caratteristiche da considerare

Per capire se una stampante può essere davvero uno strumento di lavoro performante bisogna considerare le differenze esistenti tra tecnologia laser e inkjet, in particolare quelle che riguardano:

  • Volume e frequenza di stampa
  • Qualità dell’immagine
  • Velocità di stampa
  • Spese di gestione

Vediamole una ad una nel dettaglio.

Volume e frequenza di stampa

La prima considerazione riguarda due importanti fattori, spesso correlati: volume e frequenza di stampa. Per volume di stampa si intende il numero di stampe e copie, mentre la frequenza è l’utilizzo della stampante nel tempo.

La stampante inkjet è performante nel momento in cui il volume di stampa è basso, ma la frequenza è alta; dunque nel caso di poche stampe alla volta, ma effettuate quasi ogni giorno. Questo aspetto è legato alla natura stessa della cartuccia a inchiostro che, con una bassa frequenza di stampa, tende a seccarsi, un po’ come una penna stilografica che non viene usata per mesi. Un’esigenza di questo tipo potrebbe essere, ad esempio, quella di uno studente che ogni giorno si ritrova a stampare compiti e progetti di poche pagine.

In tutti gli altri casi la stampante laser è un’ottima scelta, specialmente a livello professionale. La macchina sopporta grandi volumi di stampa e il toner, non essendo inchiostro, non si secca.

Abbiamo riassunto tutto in un piccolo schema:

  USO FREQUENTE USO POCO FREQUENTE
MOLTE STAMPE Laser Laser
POCHE STAMPE Inkjet Laser

La questione cambia se la priorità di chi stampa è la qualità dell’immagine.

Qualità dell’immagine

Le stampanti a uso professionale garantiscono generalmente una buona resa di stampa, ma sono i particolari a fare la differenza. L’esigenza di stampare immagini ad alta qualità potrebbe farci propendere verso l’acquisto di una stampante inkjet. Vediamo perché.

La qualità di un’immagine è data essenzialmente dalla sua risoluzione, misurata in DPI (dots per inch, “punti per pollice”). Per immagini ad alti DPI si raccomanda l’acquisto di una stampante che li restituisca correttamente. In questo caso, specialmente per chi lavora nel campo della fotografia, è consigliabile orientarsi verso una inkjet.

Il secondo aspetto da considerare è il tipo di carta su cui si deve stampare. Per ottenere risultati ottimali con la stampante inkjet è necessario utilizzare carte speciali.

La stampante laser, invece, ottiene buoni risultati con la carta comune, anche di diversa grammatura ed è consigliata per le normali stampe da ufficio.

Velocità di stampa

La velocità è un aspetto fondamentale per un flusso di lavoro intenso. Una stampante veloce è un’alleata preziosa nelle giornate più caotiche. Ma che cosa si intende con esattezza per velocità di stampa? Se pensiamo all’esecuzione di una stampa esistono di fatto due momenti:

  1. L’uscita del primo foglio dalla macchina
  2. L’uscita dei fogli successivi

Nelle stampanti inkjet solitamente l’uscita dei fogli è lenta e graduale. Invece la stampante laser una volta entrata in temperatura, stampa rapidamente tutte le copie (secondo il motore di stampa scelto).

Quindi se la velocità è prioritaria la stampante laser è la scelta migliore. Rimane imbattibile per la stampa in bianco e nero e a colori su carta comune, formati A4 e A3, dunque perfetta per tutte le esigenze di stampa di un ufficio.

Spese di gestione

Le spese legate alla gestione di una stampante dipendono da:

  • Volume di stampa in rapporto al costo di cartucce o toner
  • Consumi energetici e tempo di vita della macchina
  • Riparazioni in caso di guasti

Come capire, quindi, quale stampante è più conveniente?

Se si effettuano poche stampe le spese generiche di una stampante inkjet professionale sono leggermente più basse rispetto a quelle di una laser, perché normalmente le cartucce sono meno costose dei toner. Ma attenzione: durante il ciclo iniziale all’avvio della inkjet c’è un consumo di inchiostro anche se non si stampa. Inoltre è bene valutare con attenzione la tipologia delle stampe: se con una inkjet stamperemo molte immagini, ovviamente le spese di gestione saranno elevate.

Il toner per stampanti laser ha un costo superiore, ma ha una durata maggiore rispetto alla cartuccia: dunque, quando il volume di stampa aumenta, la stampante laser diventa sempre più vantaggiosa, ammortizzando le spese grazie a un costo copia nettamente inferiore.

La stampante inkjet ha consumi energetici ridotti, ma ha una durata di vita molto inferiore rispetto a una laser, dunque sul lungo termine si rivela più impattante sull’ambiente. La laser ha il vantaggio di essere davvero duratura, arrivando a volumi molto importanti prima di andare definitivamente in pensione.

Altro aspetto da considerare nella nostra scelta, di natura ambientale ed economica, ricade sulla riparazione dei guasti.

Le parti di ricambio di una inkjet sono costose e di difficile reperibilità. Le stampanti laser, invece, sono impiegate largamente nel mondo professionale, dunque i pezzi di ricambio sono sempre disponibili sul mercato.

Tecnoservice per le aziende che devono scegliere tra stampanti laser o inkjet

Noi di Tecnoservice forniamo consulenza, noleggio, vendita, assistenza di multifunzione e stampanti. Il nostro magazzino è dotato di macchine e consumabili in pronta consegna, adatti a ogni esigenza.

Da noi trovi sempre:

  • Stampanti laser e inkjet delle migliori marche
  • Stampanti multifunzione professionali
  • Plotter e stampanti per grandi formati
  • Toner
  • Cartucce
  • Carta per ogni esigenza

Il nostro obiettivo è dare soluzioni per la stampa che siano vantaggiose per le aziende e che riducano l’impatto ambientale. Siamo in grado di accompagnare il cliente dalla scelta del prodotto alle fasi successive di operatività.

Se vuoi una consulenza gratuita su multifunzione e stampanti laser o inkjet contattaci o visita il nostro sito.